Seguici su

Vai menu di sezione

PLOGGING: raccogliere i rifiuti correndo

Combina attività fisica e cura dell'ambiente, viene dalla Svezia, fa bene al corpo e all'ambiente: è il plogging e chi lo pratica corre e raccoglie rifiuti. Chissà quanti belluschesi lo praticano, forse non tantissimi, magari lo faranno in futuro. Eppure percorrendo
le strade del paese, i sentieri di parchi e parchetti, persino andando al cimitero non è raro imbattersi in persone che, pur
non essendo tenute, raccolgono rifiuti, spazzano pezzetti di marciapiedi, curano edicole votive, ripristinano cartelli caduti.

Se ci si sofferma ad osservare i loro gesti, si noterà che nella gran parte dei casi sono quelli di una vecchia, buona abitudine, ma c’è anche chi si guarda intorno per esser sicuro che nessuno lo noti.
Certo, verrebbe da pensare: ma perché qualcuno raccoglie rifiuti da terra, facendo plogging o camminando? Perché qualcun altro li ha gettati, ovvio. E verrebbe anche da pensare che se per qualcuno il silenzio è quel luogo anonimo in cui le scorrettezze sono attribuite un po' a tutti e a nessuno, per altri è il luogo della modestia, il velo che accompagna ogni azione davvero buona.
E se chi getta rifiuti venisse punito con qualche ora di plogging?
Chissà cosa ne penserebbero gli svedesi...

Testata
Bellusco Informa
Autore
Monica Colaci
Pagina
15
Pagina ove continua
15
Pagina pubblicata Martedì, 11 Dicembre 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto